NADIR AFONSO. L’ ARCHITETTURA NELLA PITTURA

«L’arte è una dimostrazione di  esattezza, un gioco di leggi nello spazio,

ma non dei significati degli oggetti»

Nadir Afonso

 Nadir Afonso Rodríguez, è stato un pittore ed architetto portoghese, nato nel 1920 a Chaves.

All’età di quattro anni, disegnando su una parete della casa, creò la sua prima “opera” d’arte: si tratta di un cerchio perfetto, rosso, che segna già la sua passione geometrica per le forme e per la precisione.

Emergono costruzioni architettoniche e paesaggi urbani tra linee e colori dei suoi dipinti dove si esprime la completezza dell’artista-architetto.

Per Nadir l’arte è interamente oggettiva e regolata da leggi che la designano non come atto immaginativo, ma come manipolazione dell’osservazione, della forma, della percezione. Possiamo collocare Nadir tra i pionieri dell’arte cinetica, insieme Victor Vasarely, Fernand Léger, Auguste Herbin, André Bloc.

Nel 1974 espone una personale presso una Galleria di artisti a New York, e fu presentato come artista emergente europeo della nuova generazione e di impostazione astratto-geometrica.

L’estetica razionale  all’interno di un’arte intuitiva è la base della sua filosofia artistica così afferma Nadir Afonso:

«La ricerca dell’assoluto, di un linguaggio artistico in cui le forme hanno una rigorosità matematica, dove non serva né aggiungere né togliere. Il sentimento di totale esattezza»

Le rigorose costruzioni geometriche disegnano paesaggi architettonici; forme,  luci e contrasti danno dimensione concreta ed intensa allo spazio reale. L’ambiente è costruito nei suoi quadri come nello spazio urbano, con volumi e colori decisi come manifestazione flessibile scultorea dei luoghi.

http://www.nadirafonso.com/

Paola Donatiello

21/09/2015

Write the message

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>