Massimo Canzian

Massimo Canzian

Architetto

Contrario alla ripetizione dello stile, Massimo Canzian mette al centro l’unicità di ogni spazio.

Massimo Canzian si laurea a Venezia nel 1986 e, sin dall’inizio della sua attività opera su diversi settori dall’architettura del paesaggio, all’edilizia residenziale fino all’urbanistica o al restauro conservativo. Il principio fondante del suo operare è quello di partire dal contesto per conciliare la nuova opera con lo spazio in cui si andrà a inserire. Ogni progetto è unico e ogni luogo deve mantenere le sua specificità e funzioni. In oltre vent’anni di attività ha operato nel campo della progettazione urbana e territoriale (Progetto preliminare per il nuovo PRG di Macerata, Piano di Recupero per la ricostruzione della frazione di Mevale di Visso), dell’edilizia residenziale (fra i vari interventi, a Senigallia, il Complesso residenziale “Sul parco”, la Ricostruzione di una porzione di isolato nel centro storico – con Vania Curzi, Edificio presso il casello autostradale,), dell’edilizia speciale (case per anziani, monastero domenicano…), del recupero del patrimonio storico, ottenendo premi e segnalazioni a livello nazionale. Sul versante della ricerca teorica ha pubblicatoOrizzonti del fare architettonico (Guerini Editore, prefazione di M. Cacciari), e La “teoresi” del progetto e il ruolo dei maestri, in (a cura di F. Dal Co) Storia dell’architettura italiana. Il secondo dopoguerra (Electa).