Archisal Studio Salmoni Architetti associati

Archisal Studio Salmoni Architetti associati”

Architetto

Fondato in Ancona nel 1954 dai fratelli Claudio e Paola Salmoni, lo Studio nel 2001 diviene un’associazione professionale con il nome “Studio Salmoni Architetti associati” e nel 2012, con l’ingresso a fianco dei soci Vittorio e Giovanna Salmoni degli Architetti Paolo Alocco e Raffaela Coppari, assume la nuova denominazione “ARCHISAL Studio Salmoni Architetti Associati”.

In continuità con la sua storia professionale, lo Studio Associato è impegnato in attività che riguardano i settori, pubblico e privato, che spaziano dalla progettazione architettonica, la pianificazione territoriale strategica, urbanistica, programmi complessi e di trasformazione urbana, ad interventi di restauro su beni storico-architettonici e monumentali, a  progettazione di interni, collaborando stabilmente con numerose società nazionali ed internazionali di engineering per lo sviluppo dei progetti ed avvalendosi del contributo di esperti e studiosi per formare gruppi di analisi su temi di particolare complessità; al suo interno operano diversi giovani architetti ed ingegneri che integrano lo spirito professionale collettivo, caratteristica della storia dello studio, con specifiche competenze e con il supporto delle nuove tecnologie.

Dal 1998 al 2005 lo Studio ha svolto una intensa attività nelle zone delle Marche e Umbria colpite dal sisma del 1997, in particolare per progetti di restauro e recupero funzionale di beni culturali storico architettonici ed artistici e svolgendo l’Alta Sorveglianza e collaudo di numerosi beni immobili della Curia di Camerino (Mc).

Dal 2001 ad oggi, tra le tante attività svolte, nel campo della pianificazione strategica e territoriale si segnalano: il  Piano Regolatore del Porto di Porto San Giorgio (Ap) e del Porto Turistico di Numana (An); il PRG del Comune di Numana (An); il PRG del Comune di Castelraimondo (Mc); il PRG del Comune di Porto San Giorgio (Ap); consulenza alla redazione del PRG del Comune di Genga (An); la partecipazione al gruppo di lavoro per il Piano Strategico di Fabriano (An); lo studio di fattibilità ed il successivo PPE del lungo fiume e del Porto di Pescara, sviluppando collaborazioni con Federico Oliva, Stefano Stanghellini, ISTAO e altri.

Nell’ambito dei progetti di architettura, si evidenziano: il completamento del quartiere Montedago di Ancona con il progetto di 5 Edifici per 120 alloggi; il progetto di 36 alloggi a Viale dei Pini a Senigallia (An); il progetto per 130 alloggi in Ancona nei locali della ex Genny Moda e per 60 alloggi ecosostenibili ad energia alternativa nel Piano di Recupero del quartiere Palombare ad Ancona; la ristrutturazione dell’ex Cinema Eden a Senigallia (An); progetti per insediamenti turistici in Croazia; il progetto di ristrutturazione per la sede delle Poste Italiane a Pescara ed in altre città;  il restauro dell’ex Convento di S. Domenico a Camerino per la realizzazione del Museo Civico e dell’Auditorium; il progetto della la Rete dei Musei Civico e Diocesani di Camerino Castelraimondo e Visso; il restauro del Teatro delle Muse di Ancona; il recupero dell’antico Cimitero Ebraico di Ancona e Museo della memoria ebraica; l’adeguamento scenotecnico e impiantistico del teatro Brancaccio di Roma; il progetto per il Parco Fluviale di Castelraimondo (Mc); il progetto di completamento e miglioramento del Parco Veragra di Montefano (Mc). Dal 2007 è incaricato del recupero a funzione residenziale dell’ex Ospedale Umberto I di Ancona.

Recentemente lo Studio si è occupato del restauro di Palazzo Merlini a Senigallia e del restauro di Villa Vetta Marina a Sirolo ed è presente a L’Aquila con progetti di restauro di importanti edifici Storico-Monumentali, tra i quali Palazzo Natellis e Palazzo Brandani.

Intensa è la partecipazione a concorsi e gare: concorso internazionale di progettazione della Stazione di Bologna Centrale (progetto selezionato per la seconda fase); concorso internazionale di architettura “Rimesse in gioco” per la trasformazione dell’ex deposito ATAC in piazza Bainsizza a Roma, con Pippo Ciorra capogruppo (progetto vincitore); il Museo della Memoria Ebraica di Ferrara MEIS (progetto menzionato); la gara per l’adeguamento funzionale del Palazzo Ducale di Urbino (progetto vincitore); concorso per il restauro del Teatro Vaccaj di Tolentino (Mc) (progetto vincitore); il concorso per il Museo Nazionale di Astana in Kazakisthan (progetto secondo classificato).

Dal 2001 al 2009 lo Studio ha curato la direzione artistica di “Luci di Ancona” e ha collaborato con artisti quali Mario Sasso, Carlo Bernardini, Raffaella Nappo, Denis Santachiara, Studio Azzurro, Jacopo Foggini, Marco Biscarini, Stefano Mazzanti e vari designers. Ha inoltre realizzato in Ancona il progetto per la nuova illuminazione dell’Arco di Traiano al Porto, della Cittadella Sangallesca, del Monumento alla Resistenza, degli Archi monumentali del Palazzo del Governo e della Fontana del Calamo. Ha curato i progetti espositivi delle mostre: “Gentile da Fabriano e l’altro Rinascimento” a Fabriano (2006), “Raffaello e Urbino” ad Urbino (2009), “I Colori di Giotto” ad Assisi (2010), “La Città Ideale” ad Urbino (2012), “Adriano Olivetti” ad Ancona (2012), “Arturo Ghergo Fotografie” a Montefano (2012) e gli allestimenti delle Edizioni del Festival POIESIS di Fabriano dal 2009 al 2012.

Lo Studio ha collaborato alla candidatura di Fabriano a Città Creativa dell’UNESCO di cui ha ottenuto il riconoscimento nella categoria Artigianato e Arti e Tradizioni popolari. Ulteriore servizio è la redazione di progetti per Bandi per il conseguimento dei fondi strutturali europei a partire dal 1991: ha partecipato al Patto Territoriale della Provincia di Macerata, ai DOCUP 1991-1997 e 2003, al FESR 2009-2013 con progetti che hanno conseguito finanziamenti come il progetto A.M.A.M.I. del Distretto Culturale Evoluto delle Marche.